Fondo di 50 milioni per far crescere le imprese sociali in Italia e Spagna

Fondo di 50 milioni per far crescere le imprese sociali in Italia e Spagna

Risorse per 50 milioni di euro da destinare, nell’arco dei prossimi 5 anni, a 330 imprenditori sociali in Italia e in Spagna: è il risultato del primo accordo di garanzia tra il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) e Banca Etica, nell’ambito del programma EaSI, firmato nel corso della 14a conferenza annuale della Rete Europea di Microfinanza, tenutasi a Venezia il 22 e 23 giugno scorsi.

Destinatari e obiettivo dell’accordo

Il finanziamento riguarderà tutte le aziende impegnate nel sociale, con un occhio di riguardo per PMI e startup innovative. Ma non solo. Potranno presentare il loro progetto anche le aziende agricole sociali e le società che operano sfruttando l’efficienza energetica e la tecnologia delle fonti rinnovabili. Le imprese sociali, incluse quelle che danno lavoro a persone disabili, migranti e richiedenti asilo, giovani disoccupati di lunga durata, rifugiati, potranno beneficiare di prestiti a tassi di interesse molto bassi, con requisiti ridotti in materia di garanzie reali.

Come funziona l’iniziativa

Il programma della Commissione europea per l’occupazione e l’innovazione sociale (EaSI) mira a sostenere l’obiettivo dell’UE di un elevato livello di occupazione e di una protezione sociale adeguata e dignitosa, migliorando le condizioni di lavoro e lottando contro l’emarginazione e la povertà. La garanzia EaSI permette a intermediari finanziari di estendere la loro offerta a potenziali imprenditori che per il loro profilo di rischio non potrebbero altrimenti ottenere prestiti. Il FEI non fornirà un sostegno diretto alle imprese, ma attuerà lo strumento mediante intermediari finanziari locali, come istituti microfinanziari, di finanza sociale e di garanzia, nonché banche attive in tutta l’UE28 e in altri Paesi che partecipano al programma EaSI.
Un nuovo contributo allo sviluppo delle imprese sociali: questo, dunque, l’obiettivo condiviso dall’accordo e dal Programma. Dietro il buon funzionamento e finanziamento dell’impresa sociale ci sono, infatti, i presupposti per generare maggiore occupazione, sviluppo e inclusione.

Fonte: cliclavoro.gov.it

8 agosto 2017 / by / in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Navigando su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close